Carissim*

Questa volta ho pensato di proporvi una breve sequenza da praticare nei mesi estivi. Potrebbe diventare anche un vostro appuntamento quotidiano per iniziare al meglio la giornata. Ancor meglio nel periodo delle vacanze, quando ognuno di noi potrà avere maggior tempo da dedicarsi.

  1. Riscaldamento braccia

Ci sediamo in posizione facile, stendiamo le braccia verso l’alto, incrociando le dita e ruotando i palmi al cielo. Distendiamo bene i fianchi, percependo la sensazione di allungare tutta la schiena e fare spazio nella gabbia toracica.

  1. Estensione laterale

Inspirando allunghiamo un fianco distendendo bene il braccio in diagonale, espirando allunghiamo l’altro fianco. Facciamo attenzione a che il bacino resti bene a contatto con il tappetino. Ripeto la sequenza più volte

  1. Braccia in posizione Garuda

Incrociamo le braccia dx sopra e sx sotto. Portiamo prima il dorso e poi i palmi a contatto, prendendo la posizione delle braccia di Garudasana. Spingiamo prima i gomiti verso l’alto per un paio di respiri, poi lasciamo scivolare le braccia verso il petto e portiamo il mento allo sterno per allungare la zona dorsale e intrascapolare della schiena. Ripetiamo cambiando incrocio delle braccia

  1.  Anjaneyasana (affondo basso)

Portando la gamba dx avanti (mantenendo in linea ginocchio e caviglia) poggiamo il ginocchio sx a terra e affondiamo con il bacino verso il basso. Poggiamo le mani incrociate sul ginocchio dx. Restiamo 5 respiri e poi cambiamo gamba

  1. Parsvottanasana (posizione della piramide)

Portiamo le gambe in posizione  del Guerriero, stendiamo la gamba davanti cercando di portare l’anca indietro e piano piano rilascio la testa verso il ginocchio. 5 respiri per lato

  1. Adho Mukha Svanasana

Mi porto in posizione, resto con le gambe piegate e spingendo a terra con le braccia, mentre espiro porto il petto verso le cosce. I glutei ruotano verso l’alto, i fianchi si distendono, il petto si apre. Allontano le orecchie dalle spalle ruotando quest’ultime verso l’esterno. Resto 5/10 respiri

  1. Urdhva Mukha Savanasana

Spingo bene le braccia verso terra, apro le spalle e il petto in avanti, sono sostenuto dalle braccia e poggio solo con il collo del piede a terra. Rilascio il bacino verso il basso e porto lo sguardo in diagonale verso l’alto

  1. Virabadrasana II 

Posizione del Guerriero II. Faccio attenzione a rimanere con ginocchio e caviglia in linea, affondo con la gamba davanti a 90°. Apro le braccia parallele al suolo con lo sguardo verso il dito medio della mano davanti. 5 respiri per lato.

  1. Parsvakonasana

Partendo dalla posizione del Guerriero II, mi allungo in avanti e scendo con il braccio  dx fino a portare la mano a terra accanto al piede dx. Allungo il braccio sx perpendicolare al pavimento. Percepisco entrambe le braccia che si allungano e le scapole che si distanziano. Radico bene le gambe e i piedi a terra.

Potete concludere la sequenza con un paio di minuti o in Savasana, o in posizione facile a occhi chiusi.

Bene carissim* Yogini! Buona pratica, potete dedicare una mezz’ora quotidiana a questi esercizi ottenendo  meravigliosi benefici!

Visited 4 times, 1 visit(s) today