In questa stagione è ancora molto facile trovare varie tipologie di funghi nei negozi. In effetti, oltre a quelli che vengono comunemente coltivati e ai quali siamo più abituati, nella stagione autunnale possiamo trovare anche i funghi che crescono nei boschi. Oggi descriveremo quindi le loro caratteristiche, cercando di farveli conoscere meglio e di farveli apprezzare soprattutto per le loro qualità benefiche. I funghi infatti oltre ad essere ampiamente conosciuti e apprezzati nelle cucine di tutto il mondo per il loro gusto, offrono anche proprietà vantaggiose per la salute. Ricchi di vitamine e minerali essenziali, sono un’aggiunta eccellente alla nostra dieta.

Ma cosa contengono i funghi?

I funghi sono un alimento ricco di fibre e a basso contenuto calorico, quasi privo di carboidrati (al massimo 1%), zuccheri (al massimo 1%) e grassi (meno dell’1%). Sono dotati di un alto valore nutrizionale perchè ricchi di proteine, antiossidanti, vitamine, specialmente B e D, e un’ottima fonte di minerali quali zinco, rame, fosforo, potassio, selenio e magnesio. Contengono inoltre lisina e triptofano.

I funghi, anche se coltivati, congelati o essiccati, riescono a mantenere pienamente la loro ricchezza nutrizionale.

Quali benefici apportano alla salute?

I funghi sono da tempo riconosciuti come ingrediente fondamentale in qualsiasi dieta, anche vegetariana e vegana. Il loro uso regolare apporta un chiaro miglioramento della salute, mitiga il rischio di sviluppare gravi malattie come l’Alzheimer, le cardiache, il cancro e il diabete. È in grado inoltre di apportare alcuni benefici specifici per la salute che andiamo a vedere.

Aiutano il sistema cardiovascolare e la pressione sanguigna

I funghi sono una ricca fonte di potassio, un nutriente noto per ridurre l’impatto negativo che il sodio può avere sul corpo. Il potassio, infatti, riduce la tensione nei vasi sanguigni, contribuendo ad abbassare la pressione sanguigna e aiutando il sistema cardiovascolare a mantenersi in forma.

Potenziano il sistema immunitario

È stato dimostrato che l’effetto antinfiammatorio dei funghi, insieme alla vitamina D e allo zinco, migliora notevolmente l’efficienza del sistema immunitario. La ricerca ha scoperto inoltre che i funghi aiutano a stimolare i microfagi, migliorando la capacità di sconfiggere i corpi estranei e rendendoci meno suscettibili a malattie gravi.

Stimolano la perdita di peso

Sia gli studi a lungo che quelli a breve termine ci dicono che i funghi mangiati regolarmente e in sostituzione soprattutto della carne rossa, in combinazione con l’esercizio fisico, come ad esempio la pratica yoga, e ad altri cambiamenti nello stile di vita, possono avere un impatto importante nella perdita di peso. 

Riducono l’ipertensione e altri disturbi metabolici

Si ritiene inoltre che gli antiossidanti nei funghi riducano il rischio di ipertensione e altri disturbi metabolici.

Ma quanti funghi possiamo mangiare?

Una tazza di funghi tritati è considerata la porzione tipica. Grazie alla loro consistenza umami, i funghi possono essere utilizzati come sostituto della carne in molti piatti.

Come posso cucinare i funghi?

Alcune tipologie di funghi sono quasi sempre coltivate e quindi reperibili, mentre alcune sono disponibili solo per un breve periodo dell’anno.

Tutti i funghi possono essere preparati sia crudi che cotti, utilizzati come componente nelle insalate, aggiunti sulla pizza, cotti in padella, al forno e alla brace con aglio e olio e prezzemolo, sia interi che affettati, usati come ingrediente per il sugo della pasta, ottimi come vellutata o come contorno a piatti di carne. A voi la scelta di come prepararli ma non dimenticate di effettuare una bella pratica, scegliendole tra queste presenti sul sito, per mantenere poi un eccellente forma e simbiosi tra mente e corpo. 
Namastè!

(Visited 75 times, 1 visits today)