24 studenti

Asana, pranayama e meditazione. Pratica dinamica, dove il corpo fluisce in un continuo passaggio da una posizione all’altra in accordo con il respiro. Per chi desidera un lavoro fisico più intenso e attivo. 

La parola Vinyasa significa ‘eseguire in modo speciale’.  il Vinyasa Flow è una sequenza sempre diversa dove ad ogni atto respiratorio corrisponde un movimento. L’attenzione è mantenuta più sul fluire del respiro  e delle asana, che sugli allineamenti. Il respiro diventa il nostro Mantra (oggetto su cui poggiare la nostra attenzione), il protagonista della nostra pratica. L’esecuzione delle posizione del Vinyasa si rivela così una vera e propria meditazione dinamica, dove respiro e movimento del corpo nello spazio diventano un’unica cosa.

Il concetto di Vinyasa si può applicare all’intera esistenza, portando l’attenzione al ritmo della vita, cercando di fluire con essa ed evitando così inutili forzature. Fluire in perenne e costante ascolto, per armonizzare la propria esistenza con ciò che ci circonda.

Il corso bisettimanale è adatto a chi cerca una pratica più intensa. Consigliata a chi ha già dimestichezza con lo Yoga e con le Asana. Pranayama e Meditazione andranno a integrare  e approfondire i principi della pratica.

Il corso ha una frequenza bisettimanale.
Il corso è multilivello.

(Visited 5.464 times, 13 visits today)

Docente

Si avvicina all’Ashtanga yoga a 20 anni, grazie al maestro Gabriel Rastelli.
Mentre continua la pratica incontra il teatro che diventa il suo mestiere, come attrice e performer.
Insieme allo studio del teatro approfondisce quello del corpo e del movimento incontrando diversi maestri e tecniche. Studia tre anni metodo Feldenkrais a Milano con Marina Gorla, metodo Laban con Maria Consagra, Alexander tecnique con Luciana Melis e Maria Borgese, movimento con Elisabeth Boeke e July Ann Stanzak, storica danzatrice di Pina Bausch. Lavora con Roberta Carreri e Torgher Wethal dell' Odin Theatret, dove l'espressività creativa del corpo diventa disciplina e struttura metodica.
Per diversi anni lavora in produzioni dove la danza e il teatro si commistionano. Uno su tutti l'esperienza con il coreografo, regista e artista belga Jan Fabre, con il quale lavora diversi mesi introducendo la pratica quotidiana di Ashtanga Yoga.
Ha compiuto il percorso di formazione insegnante certificata Yoga 500h con la scuola Hari-Om, praticando con Marco Mandrino, Marco Fasanotti, Veronica Tamburella, Emanuela Genesio, Elisa Fantini, Massimo Monti . Con loro ha scoperto la creatività della pratica Vinyasa, della quale si è appassionata, con la capacità però di adattarla rispetto al livello degli allievi, ammorbidendola in un Hatha Flow. Grazie a Veronica ha compreso a fondo l'importanza della costruzione delle asana e dunque di un attento e importante lavoro di preparazione e riscaldamento del corpo per approcciare le posizioni.
E' certificata insegnante Yin Yoga 50h con Arely Torres.
È' interessata a tutti i tipi di yoga, con apertura e curiosità.
Ricerca un approccio Integrale allo yoga, dove il termine stesso indica accoglienza, inclusione, integrazione delle diverse discipline. Propone una pratica di Yoga Vinyasa, dove la sequenza di Asana (posture dell’ Hatha Yoga) si integrano al Pranayama ( controllo ed espansione del Prana, forza vitale, attraverso tecniche di modificazione del respiro) in modo sempre diverso, ma seguendo una struttura di riferimento che prevede l’alternarsi di lavoro fisico su equilibrio, allungamento, inversione, flessione, torsione, aperture, rilassamento.
Insegna in diversi centri Yoga Vinyasa, Yoga Ashtanga e Yoga Bimbi.

In Abbonamento